domenica 13 dicembre 2015

I pensieri di Roberto Rizzo: Aforisma 91

Roberto Rizzo: Aforisma 91
  "Vita è solo l’infanzia. Il resto una serie di variazioni, destinate a decrescere di intensità, sul tema".

© Roberto Rizzo
Fb: https://www.facebook.com/pages/Roberto-Rizzo/398481276859068?fref=photo
Blog: http://rizzoroberto.com/

mercoledì 2 dicembre 2015

Dottor Mozzi al...Volo! Istruzioni per l'uso della dieta


Ecco la puntata di Radio Deejay in cui Fabio Volo intervista il Dottor Mozzi. Come sempre il dialogo col Dottore è molto interessante, ricca di spunti e naturalmente provocatoria, decisamente in contrasto con i consigli della maggior parte dei nutrizionisti.
Le parole del Dottor Mozzi colpiscono per la loro semplicità e la spiegazione delle sue idee sulla relazione della salute col cibo, teorie comunque  suffragate dalla testimonianza di migliaia di persone che guariscono seguendo i suoi consigli sull'alimentazione. 
Ho pensato anche di trascrivere il più fedelmente possibile la trasmissione per dare l'opportunità di informarsi anche a coloro che non possono ascoltare l'audio, e comunque perché Verba volant, scripta manent...
Grazie a Fabio Volo che ha dato l'opportunità di conoscere il Dottor Mozzi.
Anna  

RELAZIONE TRA CIBO E SALUTE
Fabio Volo: Come si potrebbe presentare questa sua direzione?
Dottor Mozzi: Sono sempre stato appassionato di medicine naturali, non ho mai praticato la medicina ufficiale, ma sono sempre andato a cercare l’origine delle malattie. Mi sono dedicato all’alimentazione, alla fitoterapia, macrobiotica, la zona, poi sono incappato nella dieta dei gruppi sanguigni collegata all’alimentazione, e siccome sono cocciuto e testardo, ho continuato a cercare di capire la causa di una malattia e non mi stanco mai finché non ci arrivo il più vicino possibile
Dottor Mozzi e Fabio Volo

Fabio Volo: che importanza ha secondo lei l’alimentazione in una scala da 1 a 10?
Dottor Mozzi: 9,9. Vede,c’è qualcosa che avrebbe potuto far cambiare la storia della ricerca medica  e l’indirizzo della medicina: l'encefalopatia spongiforme bovina (BSE, ossia Bovine Spongiform Encephalopathy, è una malattia neurologica cronica, degenerativa e irreversibile)
Vi rendete conto? A questi animali hanno alterato l’alimentazione dando loro mangimi con proteine non adatte alla loro apparato enzimatico e immunitario.
E non sono stati colpiti all’apparato digerente, ma a distanza, nel cervello, nelle cellule cerebrali. Tolto il mangime sparita la mucca pazza.
Cosa ci voleva a capirlo?
L’uomo e la degenerazione delle cellule nervose può essere determinata da un’alimentazione sbagliata.
L’Alzheimer  sta mietendo vittime a tutto spiano, è difficile concepire che dietro c’è un’alimentazione sbagliata?
Fabio Volo: C’è un cibo che fa male  a tutti, tipo i pomodori?
Dottor Mozzi: No, il pomodoro non è tollerato bene dal gs A, al gruppo AB fa bene, dal gruppo 0 è tollerato, per una persona di gruppo b è un alimento tra i più tossici.

Fabio Volo: Per cui non esiste un alimento che fa male a tutti?
Dottor Mozzi: Il maiale.
Quando introduci un alimento il corpo umano è programmato per determinate reazioni.
Se introduci un alimento che è tollerato fa bene, è ben accetto, ci serve per dare forza energia sviluppo, mettere su massa muscolare.
Se introduci un alimento sbagliato non tollerato va a interferire, come se fosse un granello in un ingranaggio perfetto, come è perfetto  il corpo umano come ingranaggi enzimatici e immunitari

Fabio Volo: E se fossi intollerante alla papaia e la mangiassi?
Dottor Mozzi: sentirebbe subito i primi segnali: se la mangiasse avrebbe immediatamente una  reazione semplice, elementare come muco, catarro in naso e nella gola, o nei bronchi o comunque una reazione anche a seconda dello stato immunitario della persona.
Se uno avesse un’ artrite reumatoide ad esempio andrebbe in tilt poi  48 ore.
Fabio Volo: Cibo e umore. Lei che ha molta esperienza, cosa pensa il cattivo umore è determinato dall’alimentazione?

LATTE E SALUTE
Fabio Volo: Sono tornato dall’America dove dicono che i 4 nemici bianchi sono: farina bianca, zucchero sale e latte.
L’Asso latte mi ha mandato una lettera sottolineando  che da tutti il latte è ritenuto un alimento fondamentale. Io non posso certo mettermi contro una tale potenza. Lei come risponde?
(Io ad esempio togliendo il latte, sono guarito dalla cervicale).
Dottor Mozzi: La natura fa il suo cammino e non guarda in faccia ai potenti. Steve Jobs non era potente? Quanti stramiliardi aveva? Ma la natura non ci ha pensato mica tanto a cancellarlo.
O si rimuovono le cause o se non togliamo gli alimenti nocivi si viene cancellati come razza.

Fabio Volo: Solo a qualcuno fa male il latte?
Dottor Mozzi: Ma rendetevi conto: ci sono 4500 specie di mammiferi, come mai solo l’uomo dovrebbe avere bisogno del latte di un altro mammifero? Quando una volta le donne rimanevano senza latte prendevano quello di un’altra donna che allattava.
Come mai la maggior parte del pianeta non utilizza il latte? Bisognerebbe vedere in che parte del pianeta si sviluppano patologie come l’Alzheimer, il Parkinson, la Sclerosi Multipla, i tumori all’utero, alle ovaie, al seno, o al cervello e alla prostata nei maschi tutte patologie che possono essere ricondotte alle sostanze usate.


CAUSA DELLE MALATTIE
Fabio Volo: togliendo i latticini sono guarito, ma non è detto sia così per tutti (Fabio forse sottintende che la Scienza potrebbe dire che è un caso).
Dottor Mozzi: Questa è la Scienza: se vai nell’Istituto dei Tumori. chiedete qual’è la causa dei tumori che trattate, di quale malattia la scienza sa la causa, dalla forfora all’unghia incarnita al mal di testa, non lo sanno, ma hanno sempre pronti i rimedi, chemio, fisioterapie, rimedi farmacologici.
Il colesterolo ad esempio: I bambini non mangiano uova ma hanno il colesterolo alto. L’uovo contiene colesterolo ma la molecola dell’colesterolo viene scissa in minime parti e non viene più ricostruita come colesterolo.
Invece se si mangia amido e zucchero il corpo umano, a seconda di come è programmato  lo riassembla come colesterolo. Non ci vuole molto per sconfiggere colesterolo e il diabete, che sono malattie oggettive, scientifiche; i diabetici verrebbero dimezzati nel giro di due anni
Per il glutine, i nodi vengono al pettine negli anni 50.
Prima per chi era intollerante provvedevano le broncopolmoniti e venivano eliminati, cancellati  stop.
Poi sono arrivate le allergie respiratorie primo segnale della presenza dei danni da glutine. Perché? L’uomo furbo, scientifico che si crede importante, cosa ha fatto?
Ha preso la microscopica molecola presente nel chicco di grano e cosa ha fatto? Ha pensato di estrarla  e metterla in quantità industriale in tutti gli alimenti.
Così sono nate le prime allergie, poi si sono riprodotti quelli che avevano queste allergie, problemi di autismo, problemi respiratori, malattie autoimmuni e ci sarà sempre di più un aggravamento perché nel DNA si inseriscono tanti fattori negativi.
La natura fa così in modo di cancellare tutti quelli che portano questa situazione negativa per impedire che lo trasmettano nel DNA, perché la prima legge della natura è la selezione, che è la legge suprema. E’ inutile cercare di contrastarla, dobbiamo capire come fare per stare bene.
Ognuno è libero di fare come vuole, ma poi si fanno i conti con la propria salute ed è inevitabile capire con cosa si sta bene o male, soprattutto il gruppo zero(che è veloce nelle reazioni)

CAUSE INFERTILITA'
Fabio Volo: Un’ascoltatrice mi chiede: Da tanti anni io e il mio compagno cerchiamo di avere un figlio ma non riusciamo ad averlo. Il problema sono io. Può essere legato alla cattiva alimentazione?”
Dottor Mozzi: per il maschio non ci devono essere spermatozoi, cioè un’azoospermia totale.
Ma nelle casistiche la maggior parte delle volte è colpa della donna perché?
Per l'uomo con un' alimentazione corretta gli spermatozoi corrono come schegge.
Poi il problema subentra anche per l’età, una volta li facevano a 20 anni adesso 40 50.
Una paziente mi ha chiesto perché non riusciva a da avere figli  a 44 anni, Beh datevi una mossa, ho detto io….

Fabio Volo ho sentito che una volta che le maratonete fanno fatica. 
Dottor Mozzi: Lo sport non è sinonimo di salute.
Abbiamo visto che Annarita Sidoti a 44 anni è morta per un tumore, Mennea a 60 per un tumore al pancreas.
Fabio Volo: Per una donna qual è il problema della fertilità?
Dottor Mozzi: tutti, insetti, piante, pesci, esseri umani, sono programmati, è il DNA che decide tutto, una scheda per tutta la vita, ci dice fin quando possiamo vivere, poi ci sono le variabili.
E' tutto un  equilibrio ormonale, è lo stato infiammatorio causato dagli alimenti che lo scardina.
Gli ormoni presenti nel latte  di un altro mammifero, sono ormoni previsti perché quel determinato animale (il vitello) debba assumere quell’alimento perché li dentro c'è il riconoscimento immunitario, proteine, grassi, zuccheri, vitamine predisposti  che servono per il suo sano sviluppo e gli ormoni previsti per la crescita.
Già togliendo quello si risolverebbe il problema dell’infertilità
Come mai dove si muore di fame  sanno solo fare figli e allattarli, e non hanno problemi di fertilità?
Qui dove c’è l’abbondanza soprattutto di cibi tossici ,la fertilità sta diventando un problema grave. Anche chi si rivolge alla fecondazione assistita ha successo solo  secondo le statiche in una percentuale bassissima, casi si aggirano del 25% 20%, sotto la realtà assoluta.


LA PIZZA 
Fabio Volo: In una nazione come l’Italia dove il cibo è cultura, dove ogni regione ha una ricetta, è un peccato dire ad esempio che la pizza fa male, come si fa a togliere la pizza ad un ragazzo?
Dottor Mozzi: Che si tenga la pizza: la pizza è un insieme di glutine, lievito, pomodori(che il glutine è nocivo bene o male ormai lo capiscono tutti. I celiaci non esistevano, ora in ogni supermercato c’è la fila dei prodotti per celiaci)
Il pomodoro, esisteva, ma dall’atra parte del pianeta e i romani sono diventati grandi anche senza pizza e pomodoro. Esisteva  già la pizza ma con pesce, olive, cipolla: questa è la vera pizza, poi hanno aggiunto pomodori e mozzarella.
Pensate ai grassi saturi di questi formaggi nel forno a 200 gradi, vedete voi…..
Ognuno deve gestire la propria macchina umana; è come per un’automobile, fare un pieno come 40 litri di benzina, mettere 100 cc di acqua,  dopo 3 o 4 pieni la macchina è sparita, eppure cosa sono 100 cc su 40 litri?

Fabio Volo: lei sostiene che il crollo dell’impero romano è dovuto al  cambio di alimentazione.
Dottor Mozzi: Che ha determinato lo sviluppo e caduta dei popoli è il cibo.
Gli  americani hanno conquistato il mondo? quando sono arrivati mangiavano fagioli, carne e pesce, sono diventati una civiltà incredibile, con un  esercito incredibile.
Come lo stanno perdendo? Cereali, patate, mais e bevande stracariche di edulcoranti.
Gli anglosassoni mangiavano agnello e pesce, ma non andavano alla conquista con le pagnotte.
I romani come andavano alla conquiste? Non avevano di certo i Tir non con i forni, ma mandavano gli scout a razziare animali come le pecore e le cuocevano sul fuoco oppure andavano a pescare.
Prima si sono sviluppati i grandi mangiatori di agnelli, come nella storia della cucina romana greca, egizia.
I greci erano pastori e pescatori, poi si sono mesi a coltivare i cerali, sono arrivati i romani, che non li mangiavano.

LE PROTEINE
Fabio Volo: Questo perché?
Dottor Mozzi: La forza delle proteine che danno forza fisica e mentale spaventosa
Come mai al nord sono sempre stati invincibili, gli scandinavi non mangiavano cerali e zuccheri, come frutta ma solo lamponi e mirtilli, salmone e carne cruda.
Ora che hanno cambiato alimentazione, sono un paese in depressione, eppure sono paesi di grande benessere.

I TEST PER LE INTOLLERANZE
Fabio Volo: Gli ascoltatori mi chiedono se sono attendibili i test per le intolleranze
Dottor Mozzi: Dai test risulta solo una minima parte degli alimenti a cui siete intolleranti.
Nei miei libri troverete le cause di arrossamento agli occhi, starnuti, crampi formicoli,tic, mani calde e fredde, naso che si tappa, starnuti.
Vuol fare venire un sacco di starnuti, una bella spremuta di arance e qualche dolce, vedrà quanti starnuti.

ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI
Fabio Volo: come si deve alimentare un figlio piccolo?
Dottor Mozzi: A un anno inizia lo svezzamento, comincia a cambiare la struttura enzimatica, spuntano i primi denti, è indispensabile conoscere il gruppo sanguigno, il riso va bene per tutti miglio per tutti, il mais solo gs A gs B o il miglio.
Si possono inserire proteine come il tacchino, che va bene per tutti a differenza del maiale tranne qualche rara eccezione, come vanno bene il tonno, il salmone, il merluzzo, la  trota e lo sgombro.

Fabio Volo: Un ragazzo mi dice: Sono vegetariano e sto benissimo.
Dottor Mozzi: Solo uno ne conosco e non dico il nome

Fabio Volo: Conosco una persona che avuto una riduzione del tumore al seno(senza linfonodi coinvolti) cambiando l’alimentazione.
Dottor Mozzi: Bisogna capire la causa per impedire che se ne verifichino così tanti, 1.000 tumori al giorno, diabetici e ipertesi , un popolo di malati, dove va a finire un popolo di malati?
Verranno soppiantati dagli altri popoli..

Fabio Volo: Poi arrivano i cinesi…
Dottor Mozzi: i cinesi sono avvantaggiati non hanno né latte né glutine, ma si distruggono con the  e maiale
Bisogna saper riconoscere i segnali del corpo.
A Bellaria un signore ha affermato che una sua famigliare ha cancellato la sclerosi multipla, con la risonanza le placche risultano cancellate.

Fabio Volo: Qualche medico potrebbe dire che è una coincidenza.
Dottor Mozzi: fa parte della libertà della persona.
Tutte le teorie sono  possibili, chi  sancisce se una teoria è vera poi è la pratica, quello che succede.
Se uno dice  fai questo e fai l’altro e guarisci, va bene.
Ma se il problema si ripropone, puoi provare a sperimentare a costo zero, cambia alimenti e si lascia decidere a cosa succede.
Sparirebbero il diabete, l’obesità , problematiche cardiocircolatorie, mal di testa, infertilità, insufficienza renale, malattie autoimmuni.

LA CERVICALE
Fabio Volo: Ha mai curato una cervicale?
Dottor Mozzi: Io non curo niente, dico solo cosa possono fare per togliere lo stato infiammatorio.
La cervicale è collegata con lo stomaco che governa la parte altra, spalla gomito cervicale.
L’ho imparato su di me.
Al primo anno di medicina ho avuto un attacco di cervicale incredibile, mi hanno consigliato i massaggi in ospedale, ma al mattino ero dopo da capo, perché (essendo  di gruppo zero),al mattino mangiavo cappuccino e brioches.
Cancellando lo sfogo sulla schiena il problema è tornato all’interno, perché è stato soffocato l’allarme. Questo era il segnale la spia l’allarme: soffocato l’allarme ha preso fuoco la casa, ed è arrivata la colite.
Così ho imparato a mie spese e ho tolto cappuccino e brioche.
Il caffè ad esempio non va bene per il gs zero e anche per questo  mi sono accorto a mie spese, bevevo il caffè mi veniva la tachicardia, se lo bevo ora corro in bagno.

Fabio Volo: Secondo lei perché l’attaccano? Dicono che voglia fare solo i soldi.
Dottor Mozzi: Abito in un paese, che è la mia passione dal 1974, i miei figli sono nati in casa continuerò sempre a vivere lì, il denaro non mi interessa.
Dottor Mozzi alle Mogliazze
Io comunque non ho fatto nulla l’hanno fatto al persone guarite, col passaparola

Fabio Volo: I suoi libri sono su internet?
Dottor Mozzi: Si trovano nel mio sito e su internet

PROVARE PER CREDERE...
Fabio Volo: Se avete una serie disturbi, se avete il catarro dando per scontato che è sbagliato, provate a seguire questi consigli. Quanto tempo serve per capire il giovamento? Per il catarro ad esempio.
Dottor Mozzi: per il catarro 4 o 5 mandorle o una prugna secca col nocciolo(secondo il vostro gs) o un pezzetto di carne per il gs 0, o 3 noci per il gs B e sparisce il catarro
Per gli animali se stanno male vanno a vedere cosa mangiano, per gli uomini no….

La trasmissione termina con questa considerazione.
Bhe che dire di questa dieta...provare per credere? 
Anna

LA TRASMISSIONE DI FABIO VOLO:

http://www.deejay.it/news/il-dottor-mozzi-da-fabio-volo-cosi-il-gruppo-sanguigno-ci-indica-che-dieta-da-seguire/462734/?refresh_ce

LE TESTIMONIANZE DEL MIO BLOG
IL MIO GRUPPO FACEBOOK CON ARTICOLI E INFORMAZIONI AGGIORNATE SUI CONVEGNI  DEL DOTTOR MOZZI: 

Scrivetemi se avete una testimonianza da condividere, sarà utile per tutti!

domenica 29 novembre 2015

mercoledì 25 novembre 2015

Valerio: La Leucemia Linfatica Cronica e la dieta dei gs



LA TESTIMONIANZA DI VALERIO
Oggi riporto fedelmente la testimonianza di Gabriella, che mi ha parlato della Leucemia Linfatica Cronica di suo marito.
Valerio ha scoperto di avere una LLC, una leucemia del sangue che solitamente "viene curata solo quando subentra la comparsa di sintomi sistemici o di insufficienza
midollare,dal raddoppio della linfocitosi in meno di 6 mesi (o del 50% in 2 mesi), dalla comparsa di adenomegalie o splenomegalia massive, dalla comparsa di anemia o piastrinopenia su base autoimmune refrattarie agli steroidi. 
Chi è nello stadio iniziale o intermedio ed è clinicamente stabile non viene solitamente  trattato, ma sottoposto a controlli clinici periodici".
Questo atteggiamento obbligato da parte degli oncologi è determinato dal fatto che le cure attuali non sono ancora in grado di eradicare   questo tipo di leucemia. 
Valerio ha così deciso nel frattempo di intraprendere la via della dieta dei Gruppi Sanguigni seguendo i consigli del Dottor Mozzi.

Questa testimonianza non ha certo la pretesa di essere una guida o una panacea per tutti, ma di fronte ad un numero sempre più elevato di persone che riescono ad ottenere risultati importanti contro i tumori cambiando radicalmente modo di nutrirsi, penso sia di grande interesse far conoscere questa realtà e prenderne semplicemente atto.

Grazie a Valerio e Gabriella per la preziosa testimonianza che ci permette di approfondire in modo diretto questo delicato e controverso argomento.
Anna
 
VALERIO E LA LLC
Ciao Anna mio marito è affetto da Leucemia linfoproliferativa cronica.
Da luglio 2014 segue la dieta elaborata appositamente per lui dal Dottor Mozzi.
Abbiamo aggiunto anche dell' Artemisinina 200 mg al dì (in compresse non potendo assumere alcool).
I valori sono regrediti di un 5%.
Non solo la formula leucocitaria sta modificandosi verso la normalità: diminuiscono i linfociti (tumorali)da 64 per cento a  59 per cento. 
Continuiamo con fiducia .
La medicina "ufficiale" tiene monitorato i valori e  consiglia la chemio quando i valori dei globuli bianchi sara'150.000 ma non consiglia  nulla per fare regredire i valori in modo naturale.
Abbiamo scoperto la LEUCEMIA con gli esami del sangue fatti da mio marito a febbraio 2014 per malessere generale, il peso era arrivato a 112 kg e si sentiva molto affaticato.
Il valore dei globuli bianchi era arrivato a 22 (v.normale da 4 a10).
La percentuale dei linfociti a 58.
In attesa delle visita ematologica, a giugno 2014 i globuli bianchi arrivano a 25 e la percentuale di linfociti arriva a 60.
Con l'ecografia non si sono potuti valutare gli organi per la forte infiammazione a livello addominale.
Al centro antitumori ci tranquillizzano: il valore dei linfociti è basso, per cui bisogna aspettare per la chemio......
Telefono nel frattempo al Dottor Mozzi che abbiamo conosciuto tramite internet.
Mi chiede il gruppo sanguigno di mio marito (B)
Mi ha inviato subito via mail una dieta completamente priva di zuccheri semplici e composti
(cereali) latte e derivati.
A dicembre abbiamo incontrato il Dottor Mozzi che  ha tolto anche l'ultimo zucchero(l'uva).
Il valore dei globuli bianchi è diminuito da 25 a 22 e il valore percentuale dei linfociti e'diminuito da 64,4 a 59.
L'ecografia addominale rileva gli organi nella normalità, dopo soli cinque mesi di dieta mio marito ha perso 24 kg, l'infiammazione intestinale è scomparsa ed è molto meno affaticato.
Da qualche mese abbiamo aggiunto Artemisia annua (200mg al di)e al mattino acqua con il succo di un limone e 300 mg di sodio bicarbonato.
Oggi Valerio pesa 84 kg (ha perso 30 kg ) e ha recuperato forza.
I valori dei linfociti stanno diminuendo.

LA DIETA DI VALERIO
La sua dieta si limita a uova, carne in quantità molto limitate (adatte per il suo gruppo sanguigno)fagioli di Spagna e cannellini e grandi quantità di verdure crude e cotte.
Come condimento usa l'olio di vinacciolo e come dolcificante solo la stevia.
Il Dottor Mozzi dice che probabilmente c'è ancora qualche cibo che non permette ai linfociti di diminuire più velocemente .
Soprattutto I globuli rossi, emoglobina e piastrine sono aumentati!!!
Gabriella

Terminando la nostra conversazione Gabriella si è raccomandata di esprimere un pensiero condiviso da molti malati di cancro.
La maggior parte delle malattie, come abbiamo appurato in molte testimonianze condivise sono provocate da una cattiva alimentazione, per cui anche il tumore potrà senz'altro beneficiare di regole nella nostra nutrizione.
E non costa nulla provare, cambiare  dieta non ha controindicazioni!

Gabriella:  IL TUMORE SI FORMA a causa della GRAVE INFIAMMAZIONE INTESTINALE provocata dai CIBI PER I QUALI NON SIAMO PROGRAMMATI,si nutre di ZUCCHERI SEMPLICI e COMPOSTI in AMBIENTE ACIDO e ANAEROBICO (assenza di ossigeno).
Perciò è importante eliminare L'INFIAMMAZIONE usando i cibi giusti e utilizzando ARTEMISIA ANNUA RENDERE L'AMBIENTE BASICO CON I CIBI BASICI, LA SOLUZIONE DI SODIO BICARBONATO LIMONE E ACQUA. 
ELIMINARE ZUCCHERI SEMPLICI E COMPOSTI E LATTE SERVE ANCHE AD ELIMINARE L'IPEROSSIDAZIONE CELLULARE E RENDERE L'AMBIENTE BASICO E OSSIGENATO. QUANDO SI REALIZZANO QUESTE 3 SITUAZIONI IL CORPO ARRESTA LA PROLIFERAZIONE DI CELLULE TUMORALI E, DOPO UN PERIODO PIÙ O MENO LUNGO, COMINCIA LA REGRESSIONE DELLA MALATTIA.

L'ARTEMISIA
"L'artemisinina è il principio attivo estratto dalla pianta, Artemisia annua;
L’Artemisinina e i suoi derivati stanno riscuotendo molto interesse nel campo della ricerca per la loro capacità di eliminare selettivamente le cellule tumorali".
Artemisia
"I ricercatori hanno visto che all’Artemisinina, liberando radicali liberi, colpisce selettivamente le cellule contenenti eccessive quantità di ferro (le cellule tumorali ne contengono molto più della media) portandole all’eliminazione".
Questa pianta sta riscuotendo l'interesse anche in associazioni mediche come l'ARTOIS(Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate)
"La priorità di questa Associazione nasce dalla esigenza di riunire differenti culture ed esperienze oncologiche che debbono convergere al fine di mettere a confronto le proprie conoscenze e fornire spunto per gruppi di lavoro".
Il link da cui ho tratto queste informazioni:
http://www.artoi.it/farmaci-naturali/artemisinina/

Molto interessante anche questo sito con ulteriori informazioni sui meccanisimi dell'Artemisia.
"L'Artemisinina, il composto trovato da Lai e Singh per combattere il cancro, non è nulla di nuovo. Era estratto dalla Artemisia annua L., millenni fa, dai Cinesi che la usavano per combattere la malaria. Questo trattamento si perse poi nel tempo ma riscoperto negli scavi archeologici del 1970 che portarono alla luce ricette di antichi rimedi medici".
Una spiegazione potrebbe essere quella del livello di ferro nelle cellule della leucemia, che "hanno la concentrazione più alta di ferro di tutte le cellule cancerogene", spiegò Lai. "Le cellule di leucemia hanno più di 1000 volte la concentrazione di ferro delle cellule normali. 
http://tumoreterapiealternative.blogspot.it/2014/05/lartemisia-annua-una-pianta-da-scoprire.html

Auguri Valerio e grazie Gabriella per aver messo a disposizione di tutti l'esperienza incoraggiante di tuo marito.
Vediamo insieme cos'è la LLC e quali prospettive avrebbe Valerio con la medicina tradizionale.


COS’E’ LA LLC
La LLC è una forma di Leucemia particolarmente ostica che” Sulla base dei dati disponibili, si ritiene che la malattia non sia eradicabile con la terapia convenzionale”.
“E’ una malattia clonale caratterizzata dalla proliferazione e dal progressivo accumulo di linfociti B nel sangue periferico e negli organi linfoidi (midollo, linfonodi, milza).  Il risultato è l'aumento del numero dei linfociti nel sangue periferico (leucocitosi con linfocitosi assoluta), l'aumento delle dimensioni dei linfonodi al collo, alle ascelle, all’inguine (linfoadenomegalia), l'aumento delle dimensioni della milza (splenomegalia)”.

IL TRATTAMENTO: “La Leucemia Linfatica Cronica si comporta in modo molto eterogeneo. Vi sono infatti pazienti asintomatici che rimangono stabili per anni senza alcuna terapia con sopravvivenza non diversa da quella attesa per l'età, e pazienti che hanno invece una malattia precocemente sintomatica e progressiva”.
“L'indicazione al trattamento è tuttora rappresentata dalla progressione di malattia, definita dalla transizione verso uno stadio clinico più avanzato, oppure dalla comparsa di sintomi sistemici o di insufficienza midollare, dal raddoppio della linfocitosi in meno di 6 mesi (o del 50% in 2 mesi), dalla comparsa di adenomegalie o splenomegalia massive, dalla comparsa di anemia o piastrinopenia su base autoimmune refrattarie agli steroidi.

LE CURE

CHEMIOTERAPIA:
Il Clorambucile Fludarabina, combinazione Fludarabina-Ciclofosfamide, Bendamustina:

IMMUNOTERAPIA CON ANTICORPI MONOCLONALI:
Alemtuzumab (anticorpo monoclonale anti CD52)
Rituximab. È anticorpo monoclonale anti CD20.
Combinazione Rituximab-Fludarabina-Ciclofosfamide rappresenta il trattamento di prima scelta nel paziente che non ha patologie associate e ha età <65 anni.
Sono disponibili anche altri anticorpi monoclonali; tra questi Ofatumumab,
Obinotuzumab, un altro anticorpo monoclonale anti CD20
I costi delle cure

TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI
Il trapianto autologo, gravato però dalla continua incidenza di ricaduta di malattia.
ll trapianto allogenico da donatore HLA identico, data l'età media avanzata dei pazienti con LLC, è stato praticato sinora solo in un limitato numero di casi. La mortalità peritrapiantologica è ancora elevata (25-35%)
Infine nel sito rispondono alla domanda più essenziale che riassume l’attuale impotenza contro questa forma di Leucemia.


LLC: SI PUO’ GUARIRE?
Nel sito di ematologia di Pavia rispondono così alla domanda:
"Le più recenti combinazioni immuno-chemioterapiche hanno permesso di migliorare la qualità della risposta e di prolungare la durata della sopravvivenza libera da malattia, ma la terapia convenzionale attuale, non trapiantologia, non è considerata in grado di eradicare definitivamente la malattia che tende quindi a ricadere".

Le informazioni riportate sono tratte dal sito di Ematologia di Pavia:
http://www.ematologia-pavia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=114&Itemid=83

TUMORI E DIETA, IL PARERE DEL DOTTOR MOZZI


In questo video, potrete ascoltare il parere del Dottor Mozzi riguardo alla dieta in relazione ai tumori.
Certamente le parole del Dottor Mozzi scuotono e lasciano increduli.
Pur conoscendo i risultati eclatanti della dieta nei confronti della maggior parte delle malattie, sarebbe interessante e importante se qualcun altro volesse testimoniare la propria esperienza in merito.

Anna 
Scrivetemi  su facebook
https://www.facebook.com/Dott-Mozzi-e-la-dieta-dei-gs-Testimonianze-e-articoli-1434180116857823/?ref=tn_tnmn 


LE TESTIMONIANZE SULLA DIETA DEI GS
http://cronacadiungirasole.blogspot.it/search/label/Dieta%20dei%20gs%20senza%20glutine%20e%20latticini






Il ruolo della dieta nella prevenzione e nella cura dei tumori è stato estesamente indagato negli ultimi decenni, arrivando in alcuni casi a individuare una correlazione significativa tra specifiche categorie di alimenti o abitudini nutrizionali. Per il tumore del seno e del colon retto, per esempio, è risultata protettiva una dieta basata principalmente su alimenti di origine vegetale, come frutta e verdura (soprattutto nelle varietà più ricche di composti antiossidanti), cereali, legumi, olio di oliva e alcune spezie (come la curcuma), mentre un elevato apporto di cibi di origine animale, come carne rossa e latticini grassi (burro, panna ecc.), e l'eccesso di zuccheri semplici sembrano avere un'azione almeno in parte promuovente. Per altre neoplasie, come la leucemia mieloide cronica (LMC) o altri tumori del sangue, la relazione tra malattia e dieta è molto meno evidente. Ciò non toglie che seguire un'alimentazione sana sia fondamentale per assicurare all'organismo il massimo livello di benessere in tutte le fasi della malattia e porlo nelle migliori condizioni per affrontare i trattamenti necessari per tenere sotto controllo la LMC. - See more at: http://www.leucemiamieloidecronica.it/cont/leucemia-mieloide-news/1210/1901/alimentazione.asp#sthash.oUUsdyxb.dpuf
Il ruolo della dieta nella prevenzione e nella cura dei tumori è stato estesamente indagato negli ultimi decenni, arrivando in alcuni casi a individuare una correlazione significativa tra specifiche categorie di alimenti o abitudini nutrizionali. Per il tumore del seno e del colon retto, per esempio, è risultata protettiva una dieta basata principalmente su alimenti di origine vegetale, come frutta e verdura (soprattutto nelle varietà più ricche di composti antiossidanti), cereali, legumi, olio di oliva e alcune spezie (come la curcuma), mentre un elevato apporto di cibi di origine animale, come carne rossa e latticini grassi (burro, panna ecc.), e l'eccesso di zuccheri semplici sembrano avere un'azione almeno in parte promuovente. Per altre neoplasie, come la leucemia mieloide cronica (LMC) o altri tumori del sangue, la relazione tra malattia e dieta è molto meno evidente. Ciò non toglie che seguire un'alimentazione sana sia fondamentale per assicurare all'organismo il massimo livello di benessere in tutte le fasi della malattia e porlo nelle migliori condizioni per affrontare i trattamenti necessari per tenere sotto controllo la LMC. - See more at: http://www.leucemiamieloidecronica.it/cont/leucemia-mieloide-news/1210/1901/alimentazione.asp#sthash.oUUsdyxb.dpuf
 

domenica 8 novembre 2015

domenica 1 novembre 2015