domenica 30 agosto 2015

I pensieri di Roberto Rizzo: Aforisma 76


Aforisma 76

Nell’imposizione di un’eguaglianza è implicita una diseguaglianza che è certamente più anormale e meno giusta dell’imposizione d’una diseguaglianza.

© Roberto Rizzo
Fb: https://www.facebook.com/pages/Roberto-Rizzo/398481276859068?fref=photo
Blog: http://rizzoroberto.com/

sabato 29 agosto 2015

Missione impossibile per il MDB: nuova lettera al Presidente Mattarella.

L'AVVOCATO OTTAVIANO CI RIPROVA
La vicenda è nota a chi segue gli incredibili casi di persone guarite con il Metodo Di Bella.
Myriam e il marito Gianluca Ottaviano
Myriam è la donna coraggiosa che, sfidando i medici che la sconsigliavano, si era affidata ormai disperata al Dottor Di Bella per cercare di guarire da un cancro al seno, dopo i fallimenti delle cure a cui si era sottoposta: intervento di mastectomia, radioterapia, chemioterapia e ormonoterapia.
Curatasi col Metodo Di Bella, è guarita da sedici metastasi scomparse in sei mesi di terapia, e dopo aver sostenuto le gravose spese  per pagarsi i farmaci necessari, tuttora a carico dei malati di cancro, era riuscita tramite il marito l'Avvocato Gianluca Ottaviano, ad ottenerne il rimborso.
Contemporaneamente l'Avvocato  aveva vinto la causa anche per la suocera, ammalatasi come Myriam di tumore al seno e guarita sempre con il MDB.
Ma il marito di Myriam non si era fermato, e continuando coraggiosamente la sua battaglia, è diventato portavoce  di migliaia di malati disperati che spesso non riescono economicamente a sostenere i costi per curarsi con il Metodo Di Bella. 
Si era così rivolto con una lettera pubblica prima al Pontefice, e in seguito al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che, inaspettatamente, tramite il  Direttore dell’ufficio di segreteria del Presidente della Repubblica, aveva risposto promettendo un suo interessamento presso il Ministero della Salute.
La risposta risale al Marzo 2015.
Ma da allora nessun fatto è seguito alle parole e Il Ministero della Salute tace.... ma l'Avvocato Ottaviano non demorde.

                                            IL VIDEO CON LA STORIA DI MYRIAM



Qui potrete leggere l'articolo con la prima lettera al Presidente della Repubblica
http://cronacadiungirasole.blogspot.it/2015/03/metodo-di-bella-la-risposta-del.html 

2°LETTERA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

San Severo di Foggia, il 29 agosto 2015
Eminente Presidente, l'interesse dimostrato nella Sua del 12 marzo scorso con cui - sensibile alla mia istanza - incaricava il Ministero della Salute di approfondire la questione e darmi
direttamente riscontro, Le fa indiscutibilmente onore.
Ad oggi, nonostante il Suo autorevole intervento, alcun componente del Ministero della Salute mi ha contattato. Posso presumere, pertanto, che l'incarico da Lei assegnato all'Amministrazione competente non sia stato eseguito.
La mia istanza del 20 febbraio, invero, non era volta a chiedere ex abrupto l'erogazione gratuita della multi-terapia antitumorale Di Bella agli ammalati che ne facessero richiesta, ma - sollevando dubbi sull'esito negativo della sperimentazione del 1998 e certificando esiti terapeutici straordinari e verificabili su diversi ammalati in cura Di Bella a proprie spese - voleva proporre - alla attenzione Sua e delle Amministrazioni Tecnico-Scientifiche preposte - il tema descritto, tanto delicato quanto complesso.
Sono centinaia, ed inconfutabili, i referti medici da esami strumentali, tutti verificabili, che attestano come attraverso il protocollo Di Bella sia possibile raggiungere il controllo della malattia oncologica, sia inteso come rallentamento o arresto della corsa neoplastica sia come regressione delle masse o remissione completa.
Partendo dal dato oggettivo, spesso ancor più stupefacente per la dichiarata impossibilità terapeutica ufficiale, credo sia dovere di un Ordinamento Civile e Moderno esaminare attentamente - ed in posizione di impregiudicatezza - il fenomeno.
Non essendo la "metodica Di Bella" ritenuta di valore scientifico, gli ammalati senza prospettiva terapeutica ufficiale sono abbandonati al destino, in spregio agli ideali - quali l'uguaglianza, la solidarietà sociale, la libertà (anche terapeutica) ed il diritto alla vita ed alla salute - che hanno sempre identificato e distinto il nostro Paese nel mondo.
Sommessamente, ritenendo necessario un ulteriore Suo intervento, concreto, le rinnovo la mia richiesta di audizione personale in cui potrei offrirLe ampia ed idonea documentazione.
Con la massima osservanza
Avv. Gianluca Ottaviano

  
MISSIONE IMPOSSIBILE? 
Sono ammirevoli la costanza, l'audacia e gli ideali di cui sono impregnate entrambe le lettere al Presidente.
Certamente molti malati hanno però perso da parecchi anni la fiducia in uno Stato assente e che se ne lava le mani di fronte a migliaia di casi di malati  senza speranza  destinati a morire, in quanto le Asl non concedono le cure nemmeno per uso compassionevole.
Eppure migliaia sono ormai le sentenze che decretano il diritto al rimborso di fronte alle guarigioni e ai miglioramenti ottenuti  dai pazienti che si curano con il MDB.
Certamente la missione dell'Avvocato Ottaviano sembra impossibile, ma il Metodo Di Bella è ancora vivo grazie alle missioni impossibili, grazie alla solidarietà, ai gruppi nati per sostenerlo, a chi non tace e grida il proprio dolore, le proprie vittorie  e le sconfitte per scuotere l' indifferenza di uno Stato che dovrebbe essere al servizio del cittadino e tutelarne la salute.
Per cui continuiamo a chiedere ad alta voce il nostro diritto alla Vita!
Solidarietà a Myriam e a suo marito che hanno già vinto grazie al MDB la  battaglia  più importante  che sembrava impossible da sconfiggere:IL CANCRO.


Per le informazioni scientifiche e contattare il Dottor Di Bella

FORUM DI BELLA:
IL BLOG-FORUM  curato da Adolfo Di Bella
Il gruppo con ventimila iscritti al quale potete iscrivervi
FACEBOOK: 



mercoledì 26 agosto 2015

L’ordine dei Medici accusa Il Dottor Mozzi. Il New York Times l’assolve!


IL FATTO
La notizia risale al 31 luglio: L’Ordine dei Medici di Piacenza censura il Dottor Mozzi.
Nell’articolo del giornale “Libertà”
il Dottor Augusto Pagani specifica che il provvedimento è stato preso dopo la segnalazione di
comportamenti scorretti da parte del Dottor Mozzi, il quale sembra “abbia diffuso attraverso canali di comunicazione affermazioni sanitarie che potrebbero presentare elementi di problematicità rispetto alla deontologia”.
Dopodichè la Commissione ha svolto gli approfondimenti e preso ulteriori informazioni.
La conclusione è stata la censura per il Dottor Mozzi, il quale non ha interposto appello.
Nel comunicato non si entra però nel merito specifico di quali siano queste scorrettezze, e seppur riteniamo giusto che vi siano regole ed esistano controlli di tipo deontologico sul comportamento dei medici, come …pazienti ci piacerebbe sapere esattamente anche quali siano le accuse!
L'articolo:
http://www.ordinemedici.piacenza.it/images/stories/Liberta/Libert%C3%A0_31_luglio_2015_Mozzi.pdf 

L’ACCUSA
Dopo l’articolo campeggia però un altro titolo in cui emerge un'accusa precisa: 
"E' pericoloso bere poco con il caldo".
Secondo l'Ordine dei Medici l'affermazione che non sia opportuno bere più di mezzo litro d'acqua al giorno può essere pericoloso per la salute.
Non è la prima volta che il Dottore viene giudicato per il suo invito a bere con moderazione, criticando la malsana moda della bottiglietta sempre a fianco per ingurgitare i famosi due litri d'acqua al giorno.
In questo estratto vi sono i consigli fedelmente riprodotti da un video del Dottor Mozzi che troverete in un mio articolo precedente:http://cronacadiungirasole.blogspot.it/2014/05/cellulite-ko-costo-0-con-la-dieta-dei.html 

I consigli del Dottor Mozzi
COMBATTERE IL CALDO D'ESTATE
"Per rispondere all'esigenza di bere soprattuttto nei mesi caldi, il Dott. Mozzi ci suggerisce qualche rimedio semplice ed efficace.
Come combattere il caldo
-Se avete sete sciacquatevi la bocca, mai bere bevande fredde sotto il sole, soprattuto se è cocente, si
rischia shock termico e congestione.
A PIEDI SCALZI CONTRO IL CALDO
-Se sentite troppo caldo,togliersi scarpe e darsi secchiate d’acqua fredda,anche mettere i piedi scalzi sull’erba può dare un immediato solievo.
In casa appoggiare i piedi sul pavimento, soprattutto se di marmo li raffredda all'istante e quindi abbassa la temperatura corporea.
-Se vi è un eccesso di calore nei piedi significa che avete un ristagno di liquidi e sangue, non c’è ricircolo e se si blocca c’è un surriscaldamento.
-Si può bere anche qualcosa di caldo oppure mettere le estremità in una bacinella d'acqua molto calda
e la circolazione riparte.
-Nelle bevande mettere dentro limone e miele, oppure una buona bevanda è il the verde blando con miele.
Soprattutto chi lavora sotto il sole se beve acqua troppo fredda rischia una congestione".

Sembrerebbero suggerimenti più che assennati, considerando che nessuno penso sia mai stato messo in grave pericolo da codeste dichiarazioni!

LA DIFESA
Ma veniamo alla notizia data dal New York Times, il quale inconsapevolmente dà ragione al Dottor Mozzi!
Sembrerebbe infatti che...
“Otto bicchieri d’acqua al giorno? Sciocchezze” Così il New York Times abbatte il mito salutista.
Nell’articolo si sostiene che  sia «Un equivoco, non si tiene conto dei liquidi contenuti nei cibi»
Due litri d’acqua al giorno. È la formula magica per la salute, il mantra che torna di moda ogni estate sui giornali, nelle riviste da spiaggia, alla tv. Sempre in cima alla lista delle banalità per
sconfiggere «il caldo-record».
Per cui contrordine, come già sosteneva il saggio Dottor Mozzi «No, non dovete bere otto bicchieri d’acqua al giorno».
Le affermazioni  del quotidiano incalzano: "Non serve. Perché si tratta, appunto, di un mito. «Il più difficile da estirpare, nonostante – scrive l’autore Aaron Carroll, docente di pediatria all’Università di Medicina dell’Indiana -, non esista alcuna evidenza scientifica a supporto di questa tesi».  
Leggete l'articolo:
http://www.lastampa.it/2015/08/25/societa/due-litri-dacqua-al-giorno-solo-sciocchezze-il-new-york-times-abbatte-il-mito-salutista-uiAKPmvOE5xwa5S1edkXAK/pagina.html 


L’AVVOCATO: LA DIFESA DEL PROFESSOR BERRINO
Non avendo alcuna competenza medica, ma essendomi sempre limitata a seguire il buon senso che mi suggerisce di bere quando ho sete (l’umanità è sempre sopravvissuta seguendo proprio gli istinti primordiali dettati dalle necessità: mangiare bere dormire, etc etc….) lascerei la parola alle ironiche ma veritiere considerazioni del Professor Berrino, assunto come avvocato virtuale (non me ne voglia) in difesa nel processo al Dottor Mozzi.
Il dottor Berrino è una voce autorevole nel campo dell'alimentazione.
Si occupa infatti principalmente di epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

PROFESSOR BERRINO: Io vedo gente che va in giro con la bottiglietta d’acqua, ogni tanto bevono … io già ho una certa età e se facessi così avrei qualche problemino …di dover trovare il posto di andare a fare pipì. Ma, ci sono anche un paio di miei assistenti che hanno sempre la bottiglia dell’acqua sulla scrivania, ogni tanto ciucciano, lì.
Questo ricercatore ha proprio cercato nei libri di medicina, nei libri scientifici, di rintracciare che studi c’erano per sostenere questa cosa di bere tanta acqua. Di fatto non ha trovato nessuna giustificazione se non un ragionamento, ha trovato un ragionamento che si fa: quando senti sete, vuol dire che sei già disidratato no? per cui è meglio bere prima di sentire sete.
Io dico, il ragionamento è interessante, ma è possibile che il Padre eterno sia stato così cretino da farci venire sete solo quando è ormai troppo tardi? Perciò mi sembra più sensato seguire la filosofia orientale che dice: beviamo quando abbiamo sete.


Ma poi dipende moltissimo da quello che mangiamo. Di fatto, quando facciamo la frittura, e mangiamo la frittura, viene sete no? è inevitabile. Quando mangiate una pizza, tipicamente viene sete. Io se vado a mangiare una pizza a mezzogiorno bevo tutto il pomeriggio perché ho sete; ma quando avete sete bevete. Se voi mangiate i cereali integrali con i legumi e le verdure come base della vostra alimentazione, un po’ di frutta, ma non vi viene proprio sete. Anche perché nella digestione degli amidi si genera acqua e anidride carbonica, gli zuccheri sono fatti da … vengono costruiti dalle piante prendendo l’anidride carbonica dall’atmosfera e l’acqua dal terreno e quando noi bruciamo gli zuccheri produciamo acqua e anidride carbonica per cui di fatto non c’è bisogno di bere più di quanto non si ha sete.
Però qualche volta, se voi state prendendo farmaci, per esempio, mi sembra una cosa prudente, cioè non è che abbia la prova, la dimostrazione, però mi sembra una cosa prudente di bere un po’ di più di quanto avete sete per aiutare l’organismo a buttarli fuori. E se anche proprio avete un’alimentazione da schifo, forse è meglio che beviate un po’ di più di quanto avete sete”.

BERE TROPPO FA MALE!
Allora bisognerebbe bacchettare chi dice che bere tanto fa bene alla salute, moda che inizia ad essere contrastata finalmente anche da illustri esponenti in campo medico.
Qui troverete un altro articolo contrario all'abbeveraggio eccessivo.
http://www.tgcom24.mediaset.it/salute/bere-troppa-acqua-fa-male-alla-salute_2095847-201502a.shtml

CHI E’ IL DOTTOR MOZZI
Il Dottor Mozzi per chi  ancora non lo conoscesse, è un medico che applica, personalizzandola, la dieta dei gruppi sanguigni, dieta ideata da Peter D’Adamo.
In questo regime alimentare oltre a consigliare  gli alimenti più adatti ad ogni gruppo sanguigno, si escludono glutine, latticini e carne di maiale.
La dieta sta spopolando grazie alla diffusione dei video del Dottor Mozzi, numerosi  e  molto seguiti sono ormai i gruppi su facebook che raggiungono migliaia di iscritti.
Nei filmati prodotti da Telecolor il Dottore tuona spesso contro la superficialità di alcuni medici e per il fatto nessuno prenda in considerazione i risultati a volte stupefacenti di questa dieta, limitandosi quasi sempre a curare gli effetti e non curarsi delle cause, invitando anche i ricercatori ad approfondire il nesso tra malattie e cibo.
Telecolor e il Dottor Mozzi
Il suo modo particolare e molto schietto di comunicare con la gente ha scardinato  il tranquillo tran tran di  molti specialisti che si occupano di diete, diabete, allergie, malattie autoimmuni e quant’altro, cercando semplicemente di stimolarli a trovare una chiave diversa per la soluzioni e creare un osservatorio dove vengano annotati i nessi tra alimenti e patologie di ogni tipo.
Le persone che ascoltano i suoi video,abbandonando il precedente schema alimentare  che condiziona inevitabilmente tutti noi fin dalla nascita, nella maggioranza dei casi non lascia più questo tipo di dieta proprio per i risultati ottenuti a volte anche in breve tempo.
Perché, ricordiamoci, non serve la mancanza della "scientificità" addotta da molti contestatori del Dottore: perchè complicare le cose semplici quando si tratta comunque di cibo e non di farmaci potenzialmente pericolosi?
Per ognuno di noi, si ascolta, si prova e si osserva.
La stessa puntigliosità si dovrebbe applicare invece più utilmente per chi consiglia facilmente integratori promettenti miracoli in fatto di salute e dieta.
Se poi  i ricercatori volessero sperimentare e provare su larga scala cercando di capire la relazione tra cibo e malattia ben venga, ma il compito di un medico è solo quello di curare le persone e se riesce a guarire molte patologie è giusto che metta a disposizione i suoi risultati personali, senza peraltro farne legge, ma solo suggerendo di imparare ad osservare le reazioni del proprio corpo.
Compito che il Dottor Mozzi assolve, a detta della maggior parte dei pazienti, egregiamente.

CONCLUSIONE
La conclusione è che chi segue la dieta e che ha usufruito alla grande dei consigli del dottor Mozzi, l’ha già assolto, e chi impone le regole dall'alto spesso non è in linea con chi sulla propria pelle vive i problemi di salute.
Ci vorrebbero sì regole, ma meno schemi e più buon senso.

TESTIMONIANZE 
Per chi volesse testimoniare la propria esperienza con la dieta dei gs può scrivermi su facebook o direttamente  a questo blog https://www.facebook.com/pages/Dott-Mozzi-e-la-dieta-dei-gs-Testimonianze-e-articoli/1434180116857823

Le vostre storie http://cronacadiungirasole.blogspot.it/search/label/Dieta%20dei%20gs%20senza%20glutine%20e%20latticini 


venerdì 14 agosto 2015

Il caso scandaloso di un astrocitoma guarito con il Metodo Di Bella

UN CASO STRAORDINARIO
Vorrei condividere con voi questo caso di di astrocitoma guarito con il Metodo Di Bella, aprendo con le parole del Dottor Giuseppe Di Bella nella lettera inviata al giornale"Il quotidino del Lazio".
Giuramento di Ippocrate
La testimonianza colpisce particolarmente non solo per la straordinarietà della guarigione, ma per il comportamento scandaloso di alcuni medici ai quali la madre del ragazzo colpito da questo terribile tumore era stato affidato.
Ci appelliamo alla coscienza di tutti i medici  che dovrebbero avere a cuore i loro pazienti, che dovrebbero vivere la loro professione come una missione, che dovrebbero gioire per isultati incredibili come questo:
ma è possibile che non si levi mai e poi mai una sola voce in nome della verità?

LETTERA DEL DOTTOR GIUSEPPE DI BELLA AL"QUOTIDIANO DEL LAZIO"

  Le pubblicazioni  sul MDB, relative a 773 casi di varie patologie neoplastiche, sono da tutti facilmente reperibili sul portale ufficiale scientifico  internazionalewww.pubmed.gov, esse documentano la capacità del MDB di ottenere rilevanti risultati nella terapia dei tumori in termini di sopravvivenza e qualità di vita, nettamente migliori  dei consueti trattamenti oncologici, risparmiando ai pazienti le nota e grave tossicità della chemio . Le ultime due pubblicazioni  hanno dimostrato  che in determinati  stadi, è possibile con MDB, eliminare completamente e stabilmente sia neoplasie del seno che della prostata, senza interventi chirurgici, né radioterapia, né chemioterapia, né anticorpi monoclonali. Questi studi clinici  osservazionali retrospettivi, rappresentano la pietra tombale sulla sperimentazione ministeriale del 1998 che aveva  definito inefficace il MDB .

Anche in altre patologie  tumorali stiamo ottenendo in questi giorni  risultati incoraggianti applicando il razionale, la logica terapeutica  la nuova concezione  clinica del Prof Di Bella. Essa , diversamente  dall’oncologia,  non è  finalizzata solo  alla rimozione dell’aggregato cellulare  neoplastico, ma delle cause che ne hanno determinato l’insorgenza e la progressione , rispettando le funzioni vitali e ripristinando l’equilibrio biologico  secondo una concezione terapeutica fisiologica.

Recentemente abbiamo ottenuto per la  prima volta la remissione di un glioblastoma, tumore cerebrale, che rappresenta uno delle neoplasie  in assoluto più aggressive, con aspettativa di vita che raramente supera 12 -15 mesi. Aumentando i dosaggi di alcuni componenti  del MDB  e aggiungendo , secondo l’insegnamento del Prof Di Bella ,una molecola differenziante e un’altra  apoptotica  con specifica affinità per le cellule nervose, la massa tumorale si è progressivamente ridotta fino a non essere più evidenziata all’ultima risonanza magnetica.

Non abbiamo altri casi di glioblastoma guariti, ma non c’è un solo  caso di glioblastoma guarito in tutta la  letteratura scientifica mondiale. 
E’ bene considerare che, con le  attuali terapie (chemio+radioterapia) il glioblastoma continua a crescere senza fasi di stabilità e tanto meno di regressione . Abbiamo da poco altri 2 casi in trattamento in cui al momento  si è ottenuta la stabilità , il tumore non cresce. Abbiamo modo di ritenere  che probabilmente, applicando lo stesso schema terapeutico MDB, altri casi di glioblastoma  potrebbero  avere risposte simili .


 DAL FORUM DI BELLA
Eccovi la testimonianza estratta dal Forum Di Bella Insieme http://www.dibellainsieme.org/home.do, il sito  divulgativo ufficiale del Metodo Di Bella dove ogni giorno Adolfo Di Bella raccoglie testimonianze e richieste di aiuto dalle migliaia di pazienti e malati di tumore che necessitano di informazioni sul MDB, un po' Forum un po' blog, un patrimonio non solo per le testimonianze , ma anche l'umanità e il calore con cui Adolfo risponde a ogni lettera.
Pubblichiamo una testimonianza di eccezionale interesse, relativa ad un giovane affetto da astrocitoma (tumore cerebrale) guarito con Mdb. L'interesse non deriva solo dal caso clinico in sè - nonostante l'assenza anche di un solo caso analogo tra le migliaia e migliaia trattati con le terapie di prammatica - ma dalla lucida cronologia descritta da una madre coraggiosa e determinata e dall'inescusabile ed immorale faziosità di certi ambienti medici. Suggeriamo al lettore di leggere con attenzione, dato che emergono inquivocabili conferme di "direttive circolari": in caso di remissioni o guarigioni dopo Mdb negare, negare, sempre, comunque, a qualsiasi costo, compresa la falsificazione di documenti clinici e la sottrazione di altri.

La vicenda avrà sbocchi giudiziari, data la gravità di alcune vicende descritte e la presenza di diverse fattispecie di reati, per cui il "soccorso bianco" questa volta forse non funzionerà.

Adolfo Di Bella


L'ECCEZIONALE STORIA DI MAKSIM

Salve sono la mamma di Maksim. Mio figlio aveva 18 anni quando, dopo una crisi
epilettica, gli venne riscontrata una lesione cerebrale. Eravamo nel settembre del 2010. Come risulta dalla Tac e poi da RMN, venne rilevata una "lesione" di circa 5 cm. Nel novembre 2010 viene sottoposto a un delicato intervento chirurgico (durante il quale si verifica un'emorragia). L'esito istologico è: oligodendraglioma di II° grado. Una revisione istologica eseguita a Roma specifica: neoplasia glioneuronale. Conseguenza dell'intervento: paralisi di tutto il lato destro, braccio compreso, e dopo una decina di giorni anche caviglia e piede destro sono interessati.

Nel Dicembre 2010 la ferita, che si era rimarginata, si riapre, e sgorga liquido. I medici non si spiegano il fatto. Dopo un mese viene rioperato per fare una resezione. Un vero incubo: non risultava nulla dagli esami d'ogni genere fatti. Quaranta giorni di ricovero e trattamento antibiotico in vena 24 ore su 24 non sono serviti a nulla: dopo le dimissioni, continuai da sola a casa, per mesi, con le medicazioni suggeritemi, senza che l'infezione arretrasse. Siamo stati lasciati soli dai neurochirurghi, seguiti da un chirurgo plastico oncologico. Ad un certo punto una delle viti ed un pezzetto di osso emersero dalla ferita infettata: a quel punto tolsero la vite e la ferita si chiuse. Il tutto era durato circa sette mesi.

Per due anni facemmo i controlli periodici con risonanze, dalle quali risultava tutto fermo.
Nel Febbraio 2013 intervento per recidiva. Non riescono ad asportare tutto: nuovamente paralisi del lato destro e perdita dell'articolabilità del ginocchio. "L'istologico" recita: oligodendraglioma grado II°. Essendo ormai non più operabile, la neurochirurgia ci invia in oncologia per la presa in carico.
Chiedo quindi agli oncologi di fare una verifica dell'istologico. Senza esito, in quanto la direttrice del reparto aveva studiato le risonanze e stabilito con certezza si trattasse non di oligodendraglioma ma di neoplasia glioneuronale di basso grado. Rimango perplessa, ma mi dicono di stare tranquilla e di fidarmi.
Ed io mi sono fidata!

Venivamo seguiti ogni tre mesi facendo visita oncologica e risonanze, sempre "sovrapponibili" alle precedenti. Nel giugno del 2014 ripresa delle crisi seppur trattate (i cloni-tremori sempre manifestatisi dopo il primo intervento). Contattai gli oncologi ed il neurologo, i quali considerarono la situazione quale normale, e tipica della patologia. Dietro mie insistenze fanno un encefalogramma, dicendoci che è la ferita che produce.....elettricità: da qui le crisi.
Nel frattempo mio figlio aveva continue e forti crisi di ansia e di panico. Siamo indirizzati ad una psicologa oncologica ed in seguito da uno psichiatra, che prescrive degli antidepressivi. Questi, anziché migliorare il suo stato emotivo, lo peggiorano di gran lunga. Nessuno ci informa che la depressione è tipica nei tumori cerebrali.

A luglio la solita RMN. Mi aspettavo un peggioramento, considerate le condizioni di mio
"Il Poeta della Scienza"
figlio: stava sempre male, si trascinava camminando, data la paralisi al piede, l'appetito era scarso, si sentiva senza forze e depresso, il colorito era grigiastro e la sua vita scorreva fra la paura delle crisi epilettiche e di quelle di panico; per cui trascorreva la maggior parte del tempo a letto e non potevamo lasciarlo da solo. Di mia iniziativa andai a parlare con la radiologa che di solito firmava i referti e le chiesi di esaminare attentamente le risonanze e confrontarle con la prima dopo l'intervento: aspettai più di un'ora per sentirmi dire che erano perfettamente sovrapponibili e che dovevo stare tranquilla.


L'ODISSEA DI MAKSIM
Cercavo una ragione logica al peggioramento, ma non la trovavo. In occasione di una successiva visita oncologica ci venne riferito che il tumore era fermo e che non c'era motivo di preoccuparci. Continuai ad insistere, facendo presenti i numerosi, chiari segni che ci allarmavano, e dicendo che ci sentivamo abbandonati, dato che nessuno sembrava in grado di darci spiegazioni dell'evidente peggioramento. Al che mi fu detto: "signora, ma lei ha capito cosa ha suo figlio?".
Fu li che i miei dubbi si fecero certezze: la totale fiducia in loro che avevo avuto fino a quel momento vacillò, e mi resi conto che mio figlio era per loro un numero sul loro protocollo. Scattò in me la rabbia e decisi che da quel momento avrei agito di testa mia, seguendo il mio istinto di madre e non più le loro false parole.

Mi recai in anatomia patologica, parlando con la dirigente e chiedendo una revisione dell'istologico. Raccontai delle mie perplessità e della netta sensazione che il tumore si stesse aggravando. La dottoressa condivise il mio pensiero ed anche lei rimase perplessa della mancata verifica subito dopo l'intervento.

L'INCONTRO COL DOTTOR GIUSEPPE DI BELLA

Nel frattempo, proprio in quei giorni, incontrai un'amica, che vedendomi parecchio abbattuta mi chiese cosa mi stesse succedendo. Le dissi fra le lacrime che avevo la netta sensazione di stare per perdere mio figlio. Lei mi rispose che esisteva una cura per il
Dottor Di Bella
cancro, e di informarmi sulla cura Di Bella, dandomi anche un recapito telefonico utile. Passai le mie notti insonni al computer, informandomi sul Metodo Di Bella. Più leggevo, più capivo, più mi convinceva il suo razionale scientifico. Ne parlai in famiglia, provocando un finimondo: la sperimentazione..... eccetera. Ma quando l'attenzione si spostò dalle espressioni contrariate dei miei familiari al viso di mio figlio, fu il suo sguardo quasi spento, che esprimeva più di qualsiasi parola la disperazione ed il senso di frustrazione che lo invadevano, a darmi la forza di mettermi contro tutti .

Decisi di contattare il dott. Giuseppe Di Bella. Ottenni l'appuntamento per il 7 luglio. Sia io che mio figlio fummo subito colpiti dalla professionalità ed umiltà del dott. Giuseppe. Ci fornì tutte le risposte rimaste inevase per 4 anni, gli confidammo le nostre paure. Con pazienza ci spiegò cosa è il cancro e come agisce e infine prescrisse la terapia, dichiarandosi fiducioso sui risultati in considerazione del fatto che veniva descritto come un grado secondo. Mio figlio timidamente gli chiese: "dottore, secondo Lei posso farcela?". Il dott. Giuseppe lo guardò con tenerezza, e: "Maksim, io ci metto la cura, tu però devi essere preciso nel farla e metterci tutta la forza che hai. Se così farai, ti assicuro che fra un anno starai bene come prima della malattia".


LA SPERANZA
Uscimmo dallo studio pieni di nuova forza ed energia: finalmente un MEDICO ci aveva spiegato con che bestia avevamo a che fare.

Nel frattempo ero assediata dai miei familiari, che si opponevano a che iniziassi la cura, affermando che così avrei ucciso mio figlio. Fui tormentata da mille dubbi e mille punti interrogativi, relativi non alla validità della terapia, ma al ricorrervi tardivamente. Sapevo razionalmente che si trattava dell'unica strada da percorrere, ma dubbi e paure mi frenavano. D'accordo con mio figlio decidemmo di iniziare la cura ad ottobre, una volta disponibili i risultati della programmata risonanza.

Nell'attesa, mio figlio si aggravava sempre di più, mangiava pochissimo, il colorito era quello sinistro dei malati oncologici, la paresi del lato destro peggiorava. Trascinava le gambe, il braccio coinvolto quasi non si sollevava più, stentava a tenere in mano le posate, accusava pochissima energia e si sentiva costantemente stanco. La sua vita si svolgeva quasi sempre a letto.

Verso il 10 Agosto mi chiama l'oncologia, avvertendomi che era arrivato l'esito della revisione dell'istologico da me richiesta. Dovevo recarmi subito in ospedale.
La revisione confermava i miei sospetti iniziali: non era "un grado 2°", ma un astrocitoma grado 3°. A quel punto vado mi infuriai, chiesi di parlare con la dirigente del reparto che mi aveva garantito trattarsi di neoplasia glioneuronale. Mi venne riferito che era in ferie. Avevo messo la vita di mio figlio in mano a saccenti irresponsabili! Il dolore che sentivo in petto era insopportabile. Di colpo tutto mi era chiaro: l'aggravamento di mio figlio altro non era che una progressione che stava degenerando al grado successivo.

LA RABBIA DELLA MADRE
Terrorizzata e incollerita, misi in subbuglio l'ospedale intero. Ma questa e un'altra storia. Sta di fatto che mio figlio sin dal febbraio 2013 - data in cui avevano fatto il prelievo per l'istologico - era interessato da un grado 3° e non da un 2°. Era passato un anno e mezzo inutilmente, mentre, seguendo i protocolli usuali, avrebbe dovuto essere trattato subito dopo l'intervento. Cominciarono da quel momento a seguirci con falso interesse, contraddicendo anche le loro stesse parole (avevano paura di una denuncia ).
Fatta quindi una ulteriore risonanza, ci dissero che, confrontandone l'immagine con quella fatta a settembre dell'anno precedente, il tumore si stava espandendo nell'altro emisfero. Questo era troppo: pur essendo una semplice casalinga, costituiva un'offesa all'intelligenza umana l'evidente e maldestro tentativo di occultare le loro responsabilità. Quindi: la radiologa mi aveva mentito, o mi stavano mentendo adesso, pur di convincerci a fare adesso i trattamenti del protocollo?

Dopo aver discusso animatamente con la dirigente dell'oncologia, alla quale rimproverai il suo operato, questa mi disse che dovevo dar loro fiducia. In caso contrario, mi rivolgessi ad un altro ospedale. La mia risposta fu calma e precisa: "bene dottoressa! Io le tasse le pago a questo comune, e di conseguenza pago anche lei. Se non vuole seguire mio figlio, ne prendo atto. Però me lo metta per iscritto, altrimenti chieda lei il trasferimento, perché io non ho alcuna intenzione di girare per le città d'Italia con mio figlio malato". Silenzio....assordante da parte sua.

Mi recai immediatamente e senza preannunciarmi dal direttore sanitario dell'oncologia, spiegando ogni cosa e avvertendo che qualora fosse accaduto l'irreparabile, il mondo avrebbe saputo di questa vicenda. Cercò di calmarmi assicurandomi che avrebbe parlato con la dottoressa in questione e che le cose si sarebbero sistemate. 

IL CORAGGIO DELLA SCELTA
L'unico risultato fu che ci terrorizzarono, sostenendo che occorreva iniziare subito radioterapia e chemio. Rifiutai, e chiamai il Dott. Giuseppe spiegandogli ogni cosa. Mi
Il bivio della scelta
chiese se avessimo già iniziato la cura. Quando gli dissi che ancora non l'avevamo iniziata, si irritò: il fatto che mio figlio stesse male era attribuibile all'ulteriore aggravamento del male. Consigliò di ricorrere a radioterapia mirata per cercare di guadagnare tempo e consentire al MDB di fare effetto. Dovevamo iniziare la cura immediatamente. Gli chiesi se avessimo ancora le possibilità di prima. Rispose che aveva dubbi sulla possibilità di successo, considerata la velocità con la quale il tumore stava progredendo.

il 19 agosto iniziammo la cura a tutto regime, infischiandocene di chi continuava a dirmi che ero matta. Ero determinata a sbatter fuori di casa chiunque mi avesse ostacolata. Prima di far sottoporre mio figlio a radio, chiesi però un'ulteriore interpretazione sia dell'istologico relativo all'intervento del 2010 che di quello del 2013. In Patologia la dottoressa capì la mia disperazione e mi accontentò. Inviarono a Milano tutti i vetrini insieme alla documentazione completa, comprese le risonanze. Il 14 settembre arrivò il referto definitivo. Primo intervento: oligoastrocitoma grado 2°; secondo intervento 2013: oligoastrocitoma anaplastico grado 3°.
Ergo: avevano sbagliato tutto fin dall'inizio!

Mi riproposero radioterapia e chemio. Accettammo di fare la radioterapia, ma non la chemio.
Il 16 settembre 2014 iniziammo la radio (mio figlio intanto da quasi un mese aveva iniziato MDB, aveva ripreso le forze e stava benino) per terminare il 31 ottobre. In totale 33 sedute. Mentre faceva la radio continuavano a ripeterci che sarebbe stato meglio associare il Temodal ("...tanto, sono delle ‘pastigliette'"). Categoricamente rifiutai.

Il 12 dicembre ecco la RMN di controllo. Non sarebbe stata certamente "bella", avevano preannunciato, e sicuramente sarebbe stato rilevato un edema.
Referto: il tumore è fermo. Mentre visualizzano al computer il dischetto, parlando fra loro a bassa voce, sento dire: "....pazzesco: sembra quasi ci sia una regressione". Ma noi non dicono nulla, tranne che il tumore è fermo. Ma non lo scrivono. Qualche giorno dopo ritorniamo per la visita oncologica. Ci tartassano di domande, perché non riescono a spiegarsi l'assenza: di effetti collaterali (a parte la perdita di capelli) nel corso della radioterapia - di infiammazioni, sistematiche dopo la radio - di qualsiasi fatto edematoso - di crisi epilettiche continue attese - di peggioramento nel lato destro del corpo.
Ci dicono che vista la situazione non c'é indicazione per fare chemio vera e propria, almeno per il momento, anche se sarebbe bene fare un ciclo di chemioterapia adiuvante. Ci informano anche che ad oggi non ci sono prove scientifiche che la radioterapia da sola, o associata a chemio- come da linee guida - sia utile. Chiedono a mio figlio se acconsentiva a fare chemio, e cosa ne pensava: mio figlio risponde che mai, neanche morto, intende fare chemio, visto che loro stessi non sapevano neanche a cosa in realtà servisse.
A quel punto mi chiedono apertamente: signora che tipo di "cura alternativa" state facendo? Impossibile che non stiate facendo nulla. Io risposi con un sorriso a 50 denti che non stavamo facendo cure alternative, ma LA CURA PER IL CANCRO che è il METODO DI BELLA!  Ricordo che rimasero senza parole, limitandosi a dire: "contenti voi....".

LA REGRESSIONE
A Marzo, il referto della RMN dice che tutto è fermo e sovrapponibile alla precedente. Ma dopo tanto tempo anch'io ho imparato a leggere i dischetti delle risonanze, ed ho constatato che la regressione si notava ad occhio nudo. Mi accorgo che avevano scritto "paziente radio chemio trattato". Vado immediatamente dal radiologo e chiedo spiegazioni: mi dice che quella dicitura appare in automatico da computer. Replico che un referto simile è un falso documentale, che deve rettificarlo, togliendo menzione della chemio, e scrivere esattamente cosa evidenzia la risonanza. Si arrabbia, e mi dice: "se lei crede di vedere regressione sta sognando! Non esiste che un tumore cerebrale regredisca! Può fermarsi, ma mai regredire". Lo lascio dicendo: "bene a sapersi: se lo dice lei....".

Vado quindi dal direttore sanitario e gli faccio presente che avrebbe dovuto dare lui l'ok per cancellare quella dicitura. Si scusa, dicendomi che lo avrebbe senz'altro fatto. Poi lascio che mi spieghi l'esito della risonanza. Quando ha finito di parlare gli dico: "bene dottore. Se viene da questa parte lei faccio vedere cosa vedo io nella risonanza". Avevo portato con me il computer e comincio a fargli vedere gli scatti con le foto affiancate. Lui afferma che se ne era già accorto, ma che i colleghi, per evitarci disillusioni future.....(che delicatezza.....!) evitavano di dire che c'era una regressione. In ogni caso non potevano metterlo per iscritto se la regressione stessa non supera il 20%......!!


Intanto mio figlio stava bene, abbiamo scalato gli antiepilettici, eliminato del tutto gli antidepressivi. Mangiava, dormiva bene, i cloni-tremori erano scomparsi già dopo una settimana di cura. Una vita normale, insomma, tanto da non fare ravvisare in lui un malato oncologico. Pieno di vitalità e forza, non si stancava più come prima. In poche parole, se non fosse stato per la paralisi al piede, la qualità di vita era tornata  com'era prima che si ammalasse.

IL TUMORE E' SCOMPARSO!
Il 3/6 altra risonanza. Alla luce di quanto detto, ero sicura che sarebbe andata bene. Ritiro il referto, ma tutto è scritto con un tale tecnicismo di termini da non capirci assolutamente nulla. Anzi, quando leggo che da una parte l'esame è dichiarato sovrapponibile ai precedenti, d'altra noto cifre e codici misteriosi....io e la ragazza di mio figlio passiamo la notte a fare un confronto con le precedenti risonanze, specialmente con quella di agosto classificata quale peggioramento. Ci accorgiamo che "sembrava non ci fosse nulla, ma solo
Una delle ultimi frasi del Professor Di Bella
un puntino"! Caso vuole che incontri un amico, al quale invio una foto per appurare se stavo impazzendo io o se anche lui vedeva ciò che vedevamo noi. Mi dice che, lavorando in ospedale, avrebbe fatto vedere l'immagine ad un radiologo. Questi, vedendola, afferma che sì, in quel fotogramma il tumore sembra scomparso! Preso dalla curiosità (che ogni medico dovrebbe avere) chiede al mio amico se sono disponibile ad andare in ospedale (in un'altra città ) per fargli visionare tutti i cd. Detto fatto. Portiamo lì tutti i cd ed il medico li visiona per bene. Alla nostra presenza, si mostra sbalordito e, guardandoci, sbotta in un "non c'è più traccia del tumore!!".


Il giorno dopo è programmata la periodica visita oncologica di controllo, nel corso della quale dovrebbero informarci delle risultanze della risonanza e refertare in modo comprensibile quanto emerge. In realtà avviene ben altro: ostruzionismo a livelli incredibili. Un'oncologa, che non conosceva la nostra storia e si occupa solo di tumori mammari e polmonari, ci fa un referto che è un copia incolla del 2013, dichiarando che la nuova risonanza è sovrapponibile alla precedente.

Dopo la visita oncologica corriamo allora dal direttore sanitario. Mi aspettavo che, essendo il tumore sparito, non potesse appellarsi alla cervellotica regola del 20%. E invece conferma che la Rrnn è sovrapponibile alla precedente.......
A quel punto mi sento tanto nauseata e delusa da decidere che non è il caso di discutere e continuare ad essere presi in giro. La discussione si svolgerà in sede legale.

La mattina dopo non resisto dal telefonare al direttore sanitario. Gli dico che in oncologia hanno fatto un copia incolla, che quindi quel documento è un falso, e che non consento loro di trattarmi da pallina da ping pong: se l'oncologia non vuole più seguirci, pretendo lo formalizzino per iscritto. Lo stesso deve valere per il reparto di radioterapia.
Risposta: "signora scriva in sede, perché io non so più come aiutarla".

Ho tenuto a dirgli che "....prima avevo avuto da discutere solo con l'oncologia ....Ora lei aspetta un anno per scrivermi che la radio ha fatto il miracolo! Lei sa perfettamente che il tumore è scomparso con la cura Di Bella". Gli chiudo il telefono in faccia, ancora più nauseata di prima.

La dottoressa che aveva sbagliato il referto me lo ha "aggiustato", ma, quando le ho fatto visita, mi ha informata che nella cartella  di mio figlio mancavano i referti precedenti ed anche gli istologici nuovi! E' stata gentile, e mi ha chiesto di inviarle i documenti in mio possesso, e avrebbe provveduto a rimetterli nella cartella, incollandoli...scanso equivoci. Mi ha anche rassicurata per quanto riguarda la risonanza, ovviamente concordando con quanto avevamo osservato, avvertendomi però che non poteva scrivere nulla. Infatti ha fatto un copia incolla uguale a quello del referto della risonanza, aggiungendo però due numeri che - mi ha spiegato - indicano che tutta la materia cerebrale è pulita e che non c'è più tumore. Ha concluso dicendo che, per il nostro caso, non sarà mai scritto neanche fra dieci anni che è mio figlio è guarito.

LA VITTORIA E...LE DOMANDE DELLA MADRE

Abbiamo fatto la visita dal dott. GDB, il quale, constatando dalle immagini che il tumore non c'è più, si è mostrato felice ed emozionato quanto noi.

Ci sarebbero da fare parecchie annotazioni ma ne voglio fare solo tre.

1) Chi ha stabilito il protocollo internazionale? Perché o è una farsa oppure mio figlio lo devo considerare un miracolato, visto che il tumore cerebrale è rimasto per oltre un anno e mezzo senza nessun trattamento, mentre un grado 3 "da protocollo va trattato immediatamente"

2) cosa sarebbe successo se mi fossi fatta convincere, nel momento del terrore, a far fare come da loro consigliato chemio adiuvante?

3) se non fossi così puntigliosa e non avessi capito come funziona l'oncologia italiana (non si è mai sentito che ci si debba leggere da soli le risonanze del proprio figlio) io sarei ancora col cuore a pezzi e mio figlio saprebbe di essere ancora ad alto rischio, avendo un tumore nel cervello. Mi chiedo: ma tutto ciò è compatibile con una medicina consapevole e scientifica? Con quale coraggio e quale etica si lascia pensare che si è malati quando invece non lo si è?
Non fosse altro che curiosità scientifica, si dovrebbe approfondire il dato di fatto e comunque gioire ed essere felici per un ragazzo di 23 anni che dovrebbe sentirsi padrone del mondo. E invece lo lasciano nel tormentoso pensiero che forse non ce la farà! Come è possibile succeda tutto ciò?

Dal profondo del mio cuore devo un GRAZIE al Professor Luigi, al quale vanno le mie preghiere quotidiane, ed all'angelo in terra (come lo chiama mio figlio) il dott. Giuseppe. Se non avessimo iniziato questa cura, oggi mio figlio non sarebbe più con noi.


Grazie alla mamma di Maksim per la sua storia commovente. Al lettore l'ardua sentenza come sempre....

Per informazioni sul Metodo Di Bella :
Il sito http://www.metododibella.org/it/#.Vc2Te7VVISU
Il Forum-blog http://www.dibellainsieme.org/lavagna.do
Il gruppo facebook https://www.facebook.com/groups/metododibellaitalia/ 

PER IL SOSTEGNO ALLA FONDAZIONE DI BELLA, IL FUTURO E' NELLE NOSTRE MANI:
 http://www.metododibella.org/it/donazione.html#.Vc2W1bVVISU



 

domenica 2 agosto 2015

I pensieri di Roberto Rizzo: Aforisma 72


Roberto Rizzo: Aforisma 72

L’ideologia di un’infima minoranza, chiusa tra le anguste pareti delle proprie opinioni, è una verità indiscutibile.

© Roberto Rizzo
Fb: https://www.facebook.com/pages/Roberto-Rizzo/398481276859068?fref=photo
Blog: http://rizzoroberto.com/